:::

Inserisci le tue credenziali per accedere ai servizi per gli abbonati

   
Ricordami

Password dimenticata?

Oppure scopri come abbonarti »

Stampa Stampa

Europee, Giro (Demos): "Con Bartolo ha vinto l'Italia umana"

Il "medico di Lampedusa" ha vinto nelle isole (primo, con 135mila preferenze) e nel centro (secondo, con quasi 130mila voti). Per il coordinatore nazionale di Demos, Mario Giro, "una buona notizia per l'Italia, in tempi di odio e rancore"

28 maggio 2019

ROMA - "L'elezione del medico di Lampedusa Pietro Bartolo al parlamento europeo è una buona notizia per l'Italia e una bella soddisfazione per Democrazia solidale. è un segnale di umanità per l'Italia, in tempi di odio e rancore". Lo ha dichiarato all'agenzia Dire Mario Giro, coordinatore nazionale di Demos, già viceministro agli Affari esteri del precedente esecutivo. Pietro Bartolo, ribattezzato dai media "il medico di Lampedusa", ha vinto in due circoscrizioni: quella delle isole, primo con 135mila preferenze, e nel centro, giunto secondo con quasi 130mila.

box Una vittoria che secondo Giro rappresenta "lo spirito di un Paese umano che non si lascia travolgere dalla paura e non teme egoisticamente di fare qualcosa per gli altri. Tale è lo spirito della nostra tradizione umanistica italiana. Per Demos, che lo ha candidato, si tratta di una prima affermazione di peso in campo politico. Il nostro obiettivo è rappresentare quell'Italia vera, umile e laboriosa che non dà colpe ad altri ma si prende le proprie responsabilita'". Un'Italia, prosegue Giro, "delle associazioni, del volontariato, del terzo settore, delle autonomie e della solidarietà che ha bisogno di essere sostenuta. Un'Italia che non ha nemici e non ne cerca, che non trova ragione di essere nell'odio per l'altro. Un'Italia dell'ingegno e della comunità sociale, che costruisce e non distrugge, ancorata ai valori del solidarismo cristiano e dell'impegno laico verso tutti. Con questa ambizione Demos ha iniziato il suo percorso politico. Portare a Bruxelles tali questioni e tale identità rafforza la reputazione del nostro Paese, oggi isolato e incattivito da una destra irresponsabile e xenofoba". (DIRE)

© Copyright Redattore Sociale

Stampa Stampa